• Obiettivo : L’UNESCO Cycling Tour nasce con la volontà di creare un circuito ciclofondistico con un’enorme valenza artistica e turistica, valorizzando alcuni territori che l’ONU, tramite l’UNESCO, ha dichiarato essere Patrimonio dell’Umanità. Territori molte volte apprezzati più dagli stranieri che non dagli stessi italiani, sempre più esterofili, a volte poco capaci di dare il giusto valore a questo grande patrimonio dell’Umanità che si chiama Italia: una cultura, quella italiana, che insieme a quella greca è stata la culla della civiltà moderna che oggi conosciamo. Un’Italia che va quindi scoperta, ma soprattutto gustata (e non solo a tavola) con un turismo lento, attento, capace di cogliere non solo i colori dei mari, delle montagne o delle colline, ma di goderne anche gli odori e captare quei suoni – di cui anche il Silenzio ne fa parte – che solo la bicicletta sa donare. Un turismo pedalato con la consapevolezza di portare i ciclisti a godersi per un giorno una piccola porzione d’Italia, ma dando loro l’opportunità, quasi forzata, di godersi tutto il territorio per un periodo più lungo, optando per le nostre italiche terre piuttosto che qualche remota destinazione esotica. Le prove : “UNESCO Cycling Tour” 2018 si articola in sei prove di gran fondo organizzate in Italia in siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità.

 

A BREVE NUOVO REGOLAMENTO 2018!